Ricerca personalizzata con Google:

In Evidenza


La Gestione del Vigneto

PRESENTAZIONE
VignetoPiantare un vigneto significa scegliere tra molteplici possibilità e comporre, tra innumerevoli difficoltà, un mosaico cercando di adattare le proprie scelte ai metodi e mezzi più moderni ed economicamente più convenienti.
Allo scopo di fornire il maggior numero di insegnamenti ai viticoltori, pubblichiamo questa “Guida”: essa non ha certo la pretesa di fornire tutte le spiegazioni, ma costituisce una guida per orientare la scelta del viticoltore in funzione dello stato attuale delle conoscenze.
Per tutti, vuol essere un sussidio semplice e completo, di facile consultazione. Ci auguriamo che sappia svolgere efficacemente questo ruolo di informazione che gli abbiamo assegnato.
Non esitate a portarci a conoscenza delle vostre osservazioni. Esse saranno ben accolte e ci permetteranno di migliorarlo ancora in un eventuale prossimo aggiornamento.

IL VIGNETO E IL SUO AMBIENTE
Clima, morfologia della superficie e suolo sono i tre fattori naturali che maggiormente caratterizzano un ambiente viticolo. Da un lontano passato ci giungono i primi richiami sul ruolo determinante occupato dal luogo di produzione nel generare la qualità complessiva e irriproducibile di un vino. Con il passare dei secoli queste prime considerazioni sono diventate convinzione suffragata via via da evidenze sempre più precise e documentate.
Ambiente, quindi, in stretto legame con la tipicità dei vini, con i loro caratteri organolettici, con il grado di apprezzamento dimostrato dal consumatore. Calandoci nel territorio vitato, è immediato rapportarci ad una elevata molteplicità di situazioni ambientali, basata sulla diversa origine, evoluzione e stato attuale dei suoli, sui diversi climi locali in stretta dipendenza questi con la morfologia dei siti (vedi rilievi, esposizioni, pendenze, giacitura, ecc.).
Diventa allora immediato comprendere che le diverse situazioni impongono anche scelte tecniche appropriate e in sintonia con gli elementi naturali ora ricordati.
Sicuramente alcune linee guida sono comuni a tutti i sistemi di conduzione e devono fondamentalmente portare ad un rispetto dell’ambiente e ad una garanzia alimentare del prodotto vino, ma la preparazione e la professionalità del viticoltore, devono però guidarlo a quelle scelte in grado di ottimizzare e massimizzare la risposta del vigneto in relazione alla realtà ambientale in cui opera. Scelta del vitigno e del portinnesto, della densità di impianto, della forma e dimensionedella chioma e della lunghezza dei capi a frutto, sono alcune delle decisioni che non possono essere prese senza una precisa base tecnica e una sicura conoscenza della risposta della vite a questi interventi.
Va sottolineato però che è l’ambiente che in primis impone queste scelte e che oggigiorno esse devono essere addirittura diversificate all’interno della propria azienda, in relazione non solo agli obiettivi enologici, ma anche e soprattutto in stretta sintonia con il variare del microclima, dei suoli, delle loro proprietà idriche ecc. Ad esempio, scopo delle microzonazioni aziendali è proprio una accurata conoscenza del proprio ed esclusivo ambiente di produzione, così da gestire correttamente tutte le fasi e decisioni produttive.
Fare ed essere viticoltore richiede quindi una preparazione completa che ricopra più discipline, questo proprio per comprendere nella loro interezza tutti i rapporti che intercorrono tra il vigneto e l’ambiente, con il duplice obiettivo di massimizzare l’aspetto qualitativo della produzione attraverso l’ottimale utilizzo della risorse naturali.
Un ulteriore aspetto che sempre più sta assumendo significato e rilevanza è la bellezza e l’unicità del paesaggio viticolo: un valore aggiunto della qualità organolettica dei vini, esclusivo e non riproducibile. Il consumatore sta sempre più identificando il prodotto con la zona di origine ed è quindi gioco forza puntare sull’esclusività delle nostre aree viticole, sulla loro storia e tradizione.
Anche per questo motivo allora l’ambiente va analizzato, tutelato e rispettato per un risultato finale che, nel caso del vigneto, deve portare ad una specializzazione colturale in cui i fattori naturali sono tenuti nella dovuta e giusta considerazione.

Al fine di approfondire l'argomento sono state predisposte le seguenti schede:
> La selezione clonale in Italia
> L'impianto del vigneto
> Il ciclo vegetativo annuale della vite: la fenologia
> La gestione annuale del vigneto
> Le forme di allevamento della vite
> La nutrizione della vite